LA GESTIONE DEI PAZIENTI CON MALATTIE DEL FEGATO, DEL PANCREAS E DELLE VIE BILIARI

FAD
DAL 16/06/2021
AL 30/09/2021
500
0.00 €

Docenti

  • Gianluca Svegliati Baroni

Informazioni Generali

Lezioni

1

Crediti

0,00

Categorie Accreditate

  • Gastorenterologia
  • Medicina Generale
  • Medicina Interna

PROGRAMMA

La gestione dei pazienti con malattie del fegato, del pancreas e delle vie biliari si è profondamente modificata negli ultimi anni. Per quanto riguarda le malattie croniche di fegato, abbiamo assistito ad un drammatico mutamento nell’eziologia di queste patologie. La possibilità di sopprimere l’infezione da HBV e di eradicare quella da HCV con terapie estremamente efficaci hanno ridotto il ruolo di questi fattori nel determinare l’evoluzione del danno cronico verso la cirrosi epatica. Le forme virali quali cause di cirrosi e/o carcinoma epatocellulare sono però state sostituite da quelle legate al non corretto uso di bevande alcoliche o alle componenti della sindrome metabolica (diabete, obesità, ipertensione arteriosa, dislipidemia), forse di più difficile diagnosi e gestione. Così come per il trattamento delle epatiti virali, sono stati fatti enormi progressi nella gestione del paziente con cirrosi epatica scompensata e/o carcinoma epatocellulare, in quest’ultimo caso con la possibilità della chirurgia laparoscopica, del trapianto di fegato, e delle nuove terapie sistemiche. Così come per le malattie parenchimali epatiche, così per quelle del pancreas e delle vie biliari i progressi nella diagnosi, in particolare ecoendoscopica, e nella terapia, in particolare chirurgica, hanno rivoluzionato le possibilità di gestione del paziente. L’affermarsi dell’ecoendoscopia in pazienti con malattie del pancreas e delle vie biliari ha migliorato le capacità di diagnosi e di terapia mini-invasiva, creando uno stretto connubio con le altrettanto nuove tecniche chirurgiche. Scopo dell’incontro è quindi quello di fare il punto sulle nuove evidenze epidemiologiche, terapeutiche e tecnologiche, di patologie in passato non trattabili o gestibili solo con interventi estremamente demolitivi.